Tel. (+39) 0144 323359

Che cos’è una newsletter, come farla e 20 trucchi di Email Marketing

Callidus Pro IT Solutions > Marketing  > Che cos’è una newsletter, come farla e 20 trucchi di Email Marketing
che-cosa-newsletter-1200

Che cos’è una newsletter, come farla e 20 trucchi di Email Marketing

La newsletter è ancora uno degli strumenti più efficaci all’interno del marketing online. Volete sapere come farla funzionare bene? In questo post ti dirò come fare passo dopo passo, e ti consiglio i 7 migliori strumenti da usare. Troverai anche 20 trucchi di email marketing per raggiungere la newsletter perfetta.

Che cos’è una newsletter?

Una newsletter è una email informativa che invia un’azienda, marchio o blog via posta elettronica. Il suo contenuto può variare, ma di solito è costituita da informazioni pertinenti, quali offerte, lancio di nuovi prodotti, i post più recenti, ecc.

Si rivolge a persone che in precedenza hanno sottoscritto ad una lista, questi sono chiamati iscritti. Questa è la parte più importante, perché questo database ha un valore inestimabile per le aziende.

La frequenza con cui viene inviata una newsletter può variare a seconda della strategia che abbiamo scelto, può essere giornaliera, settimanale, mensile …

Email marketing

L’email marketing è uno degli strumenti più efficaci di marketing diretto perché utilizza la posta elettronica per stabilire un rapporto diretto con il cliente. Seppur ancora molto efficace, dobbiamo stare attenti di non abusare di questa tecnica perché se il contenuto non è abbastanza interessante e l’azienda bombarda costantemente con messaggi, gli iscritti possono prendere questa comunicazione come spam.

Vantaggi dell’utilizzo di una newsletter:

  • Si tratta di un modo semplice e diretto per comunicare con i clienti o utenti. Puoi informare loro in prima persona tutte le novità del tuo marchio.
  • La posta elettronica viene letta ogni giorno, quindi è relativamente facile che gli utenti vedono la tua email.
  • Gli iscritti sono utenti che in precedenza hanno sottoscritto al tuo blog o al tuo sito web e sono interessati a ricevere informazioni, è un filtro perfetto.
  • Il costo è abbastanza abbordabile, esistono anche piattaforme gratuite con limitazioni per la quantità di iscritti e email inviate.
  • Anche se lo scopo principale della newsletter non è vendere, a volte può aiutare a concretizzare delle vendite attraverso sconti e offerte.
  • Può essere una fonte di traffico verso il tuo sito web. Se si mettono contenuti interessanti, i vostri iscritti faranno clic sui link dentro della newsletter e così visitare il tuo sito web.
  • Questo tipo di comunicazione è l’ideale per rafforzare i legami con i clienti. Se si creano liste con gli utenti più attivi sarà più facile prendersi cura di loro e fidelizzarli.
  • È possibile segmentare le spedizioni, in modo di poter inviare diversi tipi di campagne all’interno dei tuoi iscritti.
  • Il database di una società o marchio è prezioso grazie al suo alto tasso di conversione, molto superiore a quella dei tuoi follower sui social network.

Svantaggi di usare una newsletter:

  • Per aumentare le tue liste di utenti è necessario che questi facciano l’iscrizione. E’ abbastanza difficile, dovrai creare un messaggio (banner) di iscrizione sul tuo sito web o blog che sia attraente e con un messaggio invitante.
  • Dopo aver inviato la newsletter l’utente deve aprirla, è un altro dei principali problemi con cui puoi trovarti. Normalmente il tasso di apertura non riesce a superare il 20%, allora non entrare in panico quando si vedi i tuoi report. Per cercare di migliorare questo tasso è essenziale che l’argomento delle email sia interessante per fare in modo che l’utente abbia voglia di sapere di più.
  • Una volta aperto, dovrai cercare di guidare l’utente. Da un lato devi elaborare in un modo breve e molto grafico l’informazione che vuoi condividere, d’altra parte l’obiettivo finale è quello di indirizzare il traffico verso i link che hai inserito. Come un suggerimento ti consiglio di mettere pulsanti appariscenti e call to actions (chiamate all’azione).

Come fare una newsletter:

Prima di iniziare la scrittura, è bene rispondere ad alcune domande che ti aiuteranno a stabilire una buona strategia per il tuo business.

Qual è lo scopo di inviare la newsletter?

E’ importante avere chiaramente lo scopo finale sia per la redazione del contenuto come per la progettazione del disegno grafico. Gli obiettivi possono essere diversi, dal promuovere un nuovo prodotto o servizio, fino ad inviare gli auguri di Natale ai tuoi iscritti. Ciò che è importante determinare qui è che in ogni caso l’invio di una email sia l’opzione migliore per questo scopo.

A che pubblico hai intenzione di dirigerti?

Nella maggior parte dei gestionali di newsletter puoi creare diverse liste di iscritti segmentati quali: clienti, clienti abituali, potenziali clienti, clienti italiani, clienti estero, ecc… è necessario scegliere la lista più appropriata perché potrebbero non essere tutti interessati al messaggio che stai inviando.

Che strumento si usa?

Hai un sacco di opzioni, e alcune molto professionali. Ti consiglio di iniziare a provare alcune gratuite, e quando ne avrai bisogno acquistare un servizio premium o a pagamento.

Il Passo dopo passo per creare una newsletter:

  • Aggiorna il tuo database:

    Dopo aver scelto uno strumento per l’email marketing, la prima cosa da fare è aggiornare il database. Sembra una cosa ovvia, ma se avete alcuni contatti che non sono stati aggiunte alle tue liste, è il momento giusto per farlo.

  • Seleziona la lista degli iscritti che sia più appropriata al soggetto della tua newsletter:

    Può succedere che il soggetto della tua email interesserà tutti gli utenti delle tue liste, o forse no. Filtra e scegli quelle liste che pensi meglio si adattano alle tue esigenze, così eviterai di disturbare gli iscritti non interessati.

  • Personalizza il modello grafico con i tuoi colori aziendali:

    Quasi tutte le piattaforme hanno un sacco di temi predefiniti con cui è possibile creare una newsletter molto professionale. Personalizza questo modello con il logo e tuoi colori aziendali per dare consistenza così i tuoi iscritti possono riconoscere il tuo brand con solo uno sguardo.

  • Elabora una argomento interessante:

    Si tratta di una delle parti più fondamentali, se l’argomento è ben scritto ed è attraente, il tasso di apertura si incrementerà.

  • Contenuti di facile lettura:

    Uno dei maggiori problemi delle newsletter è il basso tasso di apertura. Una volta che hai realizzato la parte più difficile è importante che l’utente trovi un contenuto semplice e strutturato in modo che sia possibile eseguire una scansione visuale rapidamente, ricordati che Il tempo è oro!

  • Aggiunge il testo legale per annullare l’iscrizione:

    Devi sempre aggiungere un testo nella tua newsletter che offra la possibilità di annullare l’iscrizione al sottoscrittore. Normalmente i template hanno già un testo standard che è possibile personalizzare.

  • Usa immagini accattivanti:

    Ti raccomando di utilizzare immagini con un peso significativo dentro del contenuto, ti aiuterà a ottenere risultati migliori e aumentare il numero di clic.

  • Inserisci link:

    Importante introdurre diversi URL . Oltre ad aggiungere un link che vada al tuo sito web o blog metti anche i collegamenti ai social network e la tua pagina di contatto. Così aumenterai la possibilità di reindirizzare il traffico al tuo sito web.

  • Fai un test di spedizione:

    La maggior parte degli strumenti di e-mail marketing offrono la possibilità di una spedizione di prova con la propria posta elettronica. E’ essenziale farlo, in modo da poter controllare che tutto è ben posizionato, che i link funzionino bene e per fare un ultimo controllo alla ortografia e la grammatica della tua newsletter.

  • Programma la spedizione:

    Per ottenere i migliori risultati è meglio programmare l’invio delle email quando gli utenti sono più ricettivi. Puoi fare delle prove, e grazie alle statistiche che offrirà lo stesso tool di spedizione potrai controllare a che ora di solito aprono la cassetta postale e così perfezionare l’invio per le prossime newsletter.

  • Controlla le statistiche:

    Il modo migliore per vedere come ha funzionato l’invio della newsletter è analizzando i risultati e confrontandoli con le spedizioni precedenti. Verifica il tasso di apertura, i clic, le cancellazioni, i dispositivi usati, ecc. Tutti dati che è possibile utilizzare per continuare a migliorare la tua strategia.

7 strumenti gratuiti per l’email marketing:

  1. MailChimp:

    È uno degli strumenti più conosciuti e utilizzati. Nella versione gratuita è possibile avere fino a 2000 iscritti e inviare 12000 messaggi di posta elettronica al mese. Il suo funzionamento si basa su modelli che puoi personalizzare e memorizzare in modo molto semplice ed intuitivo. Inoltre questo tool include le statistiche di spedizione, link, click, social network …

  2. Mailup

    È magari la rappresentante italiana per eccellenza, permette di creare un account di prova per un mese e poi fare un abbonamento in tre diverse edizioni (Web, Pro ed Entrerprise) con prezzi molto variabili in base alla quantità di email da inviare per ora. Permette di gestire facilmente la tua lista di contatti e inviare mail personalizzare grazie ai 400 modelli grafici

  3. SendBlaster

    È anche un tool italiano, più economico di MailUp visto che si paga solo a quantità di email inviate per mese. Questo tool ha la caratteristica di essere gestito da un software installabile su Windows, niente web, niente nuvola.

  4. Get Response:

    Si tratta di uno degli strumenti più professionali per l’invio di newsletter, ha più di 500 modelli e un accesso gratuito a più di 1.000 immagini di iStock. Il loro supporto tecnico è fantastico. Anche se non è gratuito, puoi fare un mese di prova.

  5. VoxMail

    Invia fino a 15.000 email al mese a 2.500 iscritti gratuitamente, poi a due versioni (flat e premium) a pagamento per poter inviare più messaggi a più indirizzi.

  6. Mailpro

    Questa piattaforma professionale di email marketing ti offre tutte le funzioni di cui può avere necessità una piccola azienda, le tariffe possono essere in abbonamento flat o a consumo.

C’è ne sono sicuramente tanti altri gestionali, se vuoi puoi lasciare un tuo commento con il gestionale che stai usando e perché, così ampliamo questa sezione.

2O trucchi di email marketing:

  • Utilizza il grassetto per evidenziare il contenuto:
    Siccome questo è un testo che l’utente non dedicherà molto tempo, la cosa migliore e facilitare il più possibile il suo lavoro. Usa il grassetto per enfatizzare quelle idee fondamentali del tuo contenuto.
  • Scrivi utilizzando trattini, numeri o liste:
    Il contenuto sarà apparentemente più ordinato e sarà letto dal utente più facilmente.
  • Non scrivere TUTTO IN MAIUSCOLO:
    Le maiuscole danno la sensazione di GRIDO!, Allora se non vuoi spaventare il tuo lettore e che la tua email finisca nella spazzatura, non usarli.
  • Firma sempre i messaggi di posta elettronica:
    Firma le email per avvicinarti ai tuoi utenti, in modo da stabilire un rapporto più stretto con loro.
  • Usa una struttura a piramide rovesciata:
    Il contenuto deve avere una struttura interna di una piramide rovesciata, ovvero la cosa più importante dovrebbe andare sulla parte superiore del messaggio e la meno importante o superfluo nel fondo.
  • Crea i database di qualità:
    E’ essenziale, avere un database più ampio e numeroso non vuol dire che la newsletter funzionerà meglio. E’ meglio pulire di tanto in tanto i tuoi database ed eliminare gli indirizzi duplicati o sospetti che sapiamo non sono buoni.
  • Rispetta la periodicità
    Una volta che hai analizzato qual’è il tempo ottimale per le tue spedizioni, rispetta sempre il giorno e l’ora. In questo modo gli utenti più fedeli saranno in attesa della tua newsletter.
  • Usa sempre lo stesso tema o disegno grafico:
    E’ importante utilizzare lo stesso modello per rafforzare il branding del marchio. Un disegno chiaramente riconoscibili può aumentare l’interazione.
  • Personalizza i messaggi con il nome:
    Si tratta di un’opzione che non è solitamente disponibile nelle versioni gratuite di strumenti di Email Marketing, l’utente percepisce un rapporto molto più diretto e personale con il marchio se si riceve un messaggio personalizzata con il suo nome.
  • Aggiungi collegamenti alle immagini:
    Per le principali immagini della tua newsletter, gli utenti di solito fanno clic sulle immagini, in modo da poter trarre vantaggio da questa tendenza per reindirizzare il traffico al tuo sito web.
  • Pubblica il martedì e il mercoledì:
    E’ dimostrato che i giorni migliori per inviare una newsletter sono il martedì e il mercoledì. Lunedì, venerdì e il fine settimana sono solitamente i giorni meno adatti per le spedizioni.
  • Evita parole associati allo spam nell’oggetto:
    Di certo ogni volta che ricevi un e-mail fai un filtro automatico in base all’oggetto, è per questo che si dovrebbe evitare di utilizzare parole come gratis, free, sconti… perché sono le parole tipiche di email di spam. Nel caso in cui hai bisogno di usare una di queste parole, puoi inserirle in un’immagine, ma cerca di evitarli nel oggetto e il corpo del messaggio.
  • Non utilizzare il punto e accapo nell’oggetto:
    Il punto e accapo è molto forte, così dovresti evitare di usarlo se vuoi che i sottoscrittori aprano la posta.
  • Utilizza i punti di sospensione nell’oggetto:
    Sono una risorsa ideale per creare curiosità, sfrutta questo per scrivere argomenti che attirino e migliorare così il tasso di apertura.
  • Non abusare delle chiamate all’azione:
    E’ importante che ci siano i collegamenti per reindirizzare il traffico al tuo sito web, ma è altrettanto importante che questi collegamenti siano collocati in modo chiaro e intuitivo così l’utente non ha dubbi dove cliccare. Se inserisci troppi link, l’utente finirà sopraffatto e non finirà cliccando nessuno.
  • Aggiungi testimonianze o recensioni reali:
    Se puoi aggiungi al contenuto delle tue email delle testimonianze reali, è una strategia molto buona di fronte ai tuoi iscritti. Ogni volta che è possibile, raccogli il feedback positivo che i clienti hanno di te e trai vantaggio di questo.
  • Incorpora elementi visivi che aggiungono valore:
    È possibile sostenere il testo con delle immagini che aggiungono valore e riconoscimento al tuo marchio come loghi, certificazioni di qualità, ecc. All’utente fornirà molta più fiducia e credibilità.
  • Equilibrio tra le informazioni promozionali e i contenuti di qualità:
    E’ inevitabile che il contenuto commerciale o promozionale è presente nella stragrande maggioranza della newsletter, devi cercare che questo tipo di informazioni sia equilibrato con alcuni contenuti di qualità. Se si utilizza solo contenuto promozionale, le tue email finiranno come spam.
  • Fornisci contenuti esclusivi:
    Si tratta di una strategia di grande successo, in questo modo i sottoscrittori si sentono molto apprezzati e speciali. Può essere un buon incentivo per acquisire nuovi iscritti.
  • Comunica urgenza:
    Puoi farlo aggiungendo messaggi nell’oggetto come questi: da non perdere! o Ultimi giorni!. Naturalmente, dobbiamo soddisfare le aspettative, perché altrimenti l’utente si sentirà ingannato.
Nessun Commento

Invia un Commento

Commento
Nome
Email
Sito web

Il blog di #CallidusPro
ISCRIVITI ADESSO!

Unisciti agli oltre 2000 lettori del blog e ricevi contenuto esclusivo

Queste informazioni non saranno mai condivise con altre aziende

GRAZIE PER ISCRIVERTI!