Iscriviti alla nostra newsletter

Ultimi articoli del blog

Tel. (+39) 0144 323359

NFT: L’ultimo boom degli investimenti digitali spiegato

Callidus Pro IT Solutions > Tecnologia  > NFT: L’ultimo boom degli investimenti digitali spiegato

NFT: L’ultimo boom degli investimenti digitali spiegato

Scopriamo come gli artisti vendono beni digitali, tra cui meme e GIF.

L’ultima moda degli investimenti digitali è entrata nel mainstream e ha fruttato ad alcuni venditori somme ingenti.

Sulle orme delle criptovalute arriva NFT, o token non fungibile, salutato come un modo per vendere opere d’arte e beni digitali.

Con la presenza di qualsiasi cosa, dalle GIF a Boy George, vi spieghiamo cos’è e come funziona.

Che cos’è un NFT?

NFT sta per token non fungibile. Gli oggetti fungibili possono essere scambiati con un bene dello stesso tipo e dello stesso valore – le valute tradizionali come la sterlina funzionano così.

Quando una cosa è non fungibile, non può essere cambiata in questo modo perché è unica. Pensate a un quadro famoso o a una carta da gioco rara: ci sarà un solo originale, indipendentemente dal numero di copie realizzate.

Un NFT è un token crittografico distinto che non può essere replicato e che funge da certificato di proprietà per gli oggetti virtuali.

A cosa serve?

Le opere d’arte fisiche e altri cimeli rari sono stati a lungo venduti per grandi somme di denaro, ma se si crea qualcosa in digitale è difficile guadagnarci.

L’NFT offre quindi agli artisti dell’era di internet la possibilità di fare soldi vendendo la proprietà a chiunque la desideri, e abbiamo già visto GIF popolari come Nyan Cat raccogliere più di 375.000 sterline di criptovaluta Ether.

L’artista dietro Nyan Cat, Chris Torres, ha recentemente dichiarato a The Verge: “Dà potere al creatore.

“Il creatore ne è originariamente il proprietario e poi può venderlo e monetizzare direttamente e avere un riconoscimento per il proprio lavoro”.

La vendita di un bene digitale, o il trading crypto su piattaforme come Bitcode Prime app, non comporta la perdita del diritto d’autore da parte del creatore originale, a meno che non sia esplicitamente dichiarato come parte della vendita.

Naturalmente, questo non impedisce che l’immagine possa essere facilmente copiata da chiunque online, ma un NFT offre a qualcuno l’onore di sapere di “possedere” l’immagine originale.

Come in ogni sistema blockchain, i record non possono essere falsificati o divisi, poiché sono registrati su computer di tutto il mondo che fanno parte della rete, il che significa che la proprietà è verificabile.

Come dice Cameron Winklevoss, investitore di Bitcoin, gli NFT “liberano l’arte”.

“L’arte tradizionale è confinata nel tempo e nello spazio”, ha twittato di recente.

“Bisogna essere nella città giusta, andare in un museo, essere invitati a casa di qualcuno, ecc. Chiunque, ovunque, con una connessione a Internet, può vedere le NFT e accoglierle”.

Chi altro lo sta facendo?

Christie’s è stata la prima grande casa d’aste a offrire un’opera puramente digitale con NFT, vendendo le creazioni dell’artista Beeple per 50,5 milioni di sterline in criptovaluta Ether.

Grimes ha venduto alcune delle sue opere d’arte, mentre è stata scambiata anche la proprietà del primo tweet del fondatore di Twitter Jack Dorsey.

Più di recente, Boy George ha rivelato che creerà contenuti per la nuova piattaforma NFT della borsa di criptovalute Crypto.com, che verrà lanciata il 26 marzo.

Cosa ne pensano i critici?

David Gerard, autore di Attack Of The 50-foot Blockchain, è scettico nei confronti degli NFT, scrivendo sul suo sito web: “Senza un contratto specifico che dica il contrario, un NFT non garantisce la proprietà dell’opera d’arte a cui punta in alcun senso significativo”.

I cosiddetti “truffatori della crittografia” stanno vendendo NFT agli artisti “come uno schema per fare soldi”, sostiene.

“Gli NFT esistono perché i truffatori di criptovalute possano avere un nuovo tipo di fagiolo magico da vendere per soldi veri, e fingere di non vendere fagioli magici”, ha scritto.

Dato l’enorme numero di computer necessari per il funzionamento continuo di una blockchain, c’è anche da considerare il costo ambientale.

Nessun Commento

Invia un Commento

Commento
Nome
Email
Sito web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il blog di #CallidusPro
ISCRIVITI ADESSO!

Unisciti agli oltre 2000 lettori del blog e ricevi contenuto esclusivo

Queste informazioni non saranno mai condivise con altre aziende

GRAZIE PER ISCRIVERTI!