Tel. (+39) 0144 323359

Relazione sullo Stato di Internet nel secondo trimestre del 2013

Callidus Pro IT Solutions > Sviluppo Web  > Relazione sullo Stato di Internet nel secondo trimestre del 2013

Relazione sullo Stato di Internet nel secondo trimestre del 2013

La velocità di connessione media globale è aumentata nel secondo trimestre del 2013, in crescita del 5,2 per cento rispetto al trimestre precedente per raggiungere 3,3 Mbps.
Sulla base delle informazioni raccolte nella piattaforma Akamai Intelligent Platform™, questa relazione permette di comprendere le statistiche chiave di Internet a livello mondiale come la connettività di rete, la velocità di connessione, gli attacchi al traffico e l’adozione e la disponibilità della banda larga.
Questa relazione illustra inoltre l’utilizzo dei browser mobili per tipo di rete sulla base dei dati raccolti.
Punti evidenziati in Europa nel secondo trimestre 2013:

Velocità di connessione media e di picco

La velocità di connessione media globale è aumentata nel secondo trimestre del 2013. La crescita trimestrale è stata osservata in nove dei 10 paesi / regioni e gli incrementi maggiori sono stati osservati nei paesi europei, il Regno Unito, il Belgio, l’Irlanda, la Spagna, la Francia e l’Italia hanno avuto una crescita di oltre il 10% trimestrale della velocità di connessione media.

Con un forte aumento del 9,1 % rispetto al trimestre precedente, Svizzera (3° a livello mondiale) ha continuato ad essere il paese europeo con la più alta velocità media di connessione a 11Mbps. In questo trimestre, i Paesi Bassi si sono uniti alla Svizzera è sono entrati come gli unici paese europei per ottenere una velocità di connessione media superiore alla soglia di “banda larga ad alta velocità” di 10 Mbps, grazie ad un aumento trimestrale del 6,2 %.

Esaminando variazioni annue, il Regno Unito ha il più grande guadagno con il 48 per cento (a 8,4 Mbps), mentre la Svezia ha seguito da vicino con una crescita annua del 44 per cento (a 8,4 Mbps). Tre paesi raggiungono aumenti annui significativi di oltre il 30%: la Repubblica Ceca (con un incremento del 36% a 9,8 Mbps), Norvegia (un aumento del 34 per cento a 7,4 Mbps) e la Svizzera (uno aumento del 31 per cento). Undici paesi sono cresciuti di oltre il 20 per cento rispetto al secondo trimestre del 2012: il Belgio e l’Irlanda (+29%), l’Austria (+28%), i Paesi Bassi, la Germania, la Polonia e la Spagna (fino 27%), la Finlandia (24%), l’Italia e la Francia (23%) e Danimarca (+21 %).

47.5 Mbps è la velocità di connessione media di picco nel secondo trimestre per la Romania in cima alla lista dei leader europei, seguita da Svizzera (41,4 Mbps), Belgio (39.9 Mbps), Paesi Bassi (38,8 Mbps) e Regno Unito (37,1 Mbps). Le Variazioni annue delle velocità di connessione picco media mostrano importanti incrementi europei: Il Regno Unito ha registrato una crescita del 52 %, mentre tre paesi sono cresciuti di oltre il 40 per cento nello stesso periodo (Norvegia, Svezia e Austria). Altri 12 paesi hanno ricevuto un incremento annuo del 30 % o più.

Nel complesso, i forti tassi di crescita della media di velocità di connessione di punta indicano un continuo miglioramento della qualità della connettività ad Internet e la disponibilità / accessibilità dei servizi di Internet ad alta velocità nella regione europea.

Penetrazione di Internet

Più di 752 milioni di indirizzi IPv4 da 242 paesi e regioni sono stati collegati alla Piattaforma Intelligente di Akamai. Ciò rappresenta un aumento del 2% rispetto al trimestre precedente e un aumento del 13% rispetto al secondo trimestre del 2012. Come un unico indirizzo IP può rappresentare più individui in alcuni casi, Akamai stima che il numero totale di utenti web unici che si sono collegati alla sua piattaforma di questo trimestre ha superato il miliardo.

Il numero globale di indirizzi IP unici visto dalla piattaforma intelligente di Akamai è cresciuto di quasi 19 milioni in questo trimestre, un po’ più del 75% dei paesi del mondo ha avuto un numero maggiore di indirizzi IP univoco rispetto al secondo trimestre del 2012.

Tra i paesi europei dalla lista dei primi 10, la crescita annua compresa tra il 12 % in Italia (posto N°9 a livello mondiale) e 9,6 % nel Regno Unito (posto N°6), 5,3 % in Germania (posto N°4) e del 3,8 % in Francia (posto N°7) .

“Il Rapporto sullo Stato di Internet nel Secondo Trimestre del 2013 ha notato alcune importanti tappe e tendenze, tra cui il fatto che la metà di tutte le connessioni di Akamai si sono verificate ad una velocità di 4 Mbps o superiore, con un incremento del 25% dal primo trimestre del 2012”, ha detto David Belson, curatore del rapporto. “Abbiamo anche visto un calo del numero di paesi e regioni con velocità di connessione media di 1 Mbps o meno – da 14 del trimestre precedente a 11 – forse questo indica una migliore connettività a banda larga in alcune delle aree geografiche più lente. Queste tendenze positive lasciano presagire un aumento e la continua adozione di connettività a banda larga in tutto il mondo”.

Fonte: http://www.akamai.com/stateoftheinternet/

No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il blog di #CallidusPro
ISCRIVITI ADESSO!

Unisciti agli oltre 2000 lettori del blog e ricevi contenuto esclusivo

Queste informazioni non saranno mai condivise con altre aziende

GRAZIE PER ISCRIVERTI!