Tel. (+39) 0144 323359

Vinton Cerf: “In realtà, la privacy è un’eccezione”

Callidus Pro IT Solutions > Sviluppo Web  > Vinton Cerf: “In realtà, la privacy è un’eccezione”

Vinton Cerf: “In realtà, la privacy è un’eccezione”

Vinton Cerf è considerato uno dei padri di Internet a causa del suo lavoro scientifico svolto 40 anni fa, che ha portato al protocollo TCP/IP, che ha reso possibile la creazione della rete delle reti, Internet.

Dal 2005, Cerf è stato assunto da Google con la posizione di Chief Internet Evangelist, una delle sue attività è la tutela della privacy.

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti (FTC) ha tenuto in questi giorni un seminario sulla privacy e la sicurezza in Internet, dove Cerf è stato uno dei relatori. Una volta concluso il seminario ha risposto alle domande del pubblico. Uno di loro ha chiesto il suo parere sulla conferma che le nuove tecnologie stanno minando il concetto di privacy.

“Non lo direi con quelle parole, ma in futuro sarà sempre più difficile mantenere la privacy. Tuttavia, è conveniente pensare che, in realtà, la privacy potrebbe essere un’eccezione.”

Privacy, qualcosa di nuovo
“Non so se qualcuno di voi abbia vissuto in una piccola città, io si. Nel 1962 viveva in una piccola città in Germania, che aveva solo 3000 abitanti. Il gestore della posta locale era a conoscenza delle attività di tutto il paese a causa delle lettere che andavano e venivano. Nessuno aveva un telefono in casa, e aveva bisogno di andare alla posta, dove il gestore collegava le chiamate, indicando una piccola cabina dove si doveva alzare la cornetta. Questo è per dire che in un comune di 3000 abitanti non c’è la privacy. Tutti conoscono la vita degli altri”, ha detto Cerf.

Secondo il padre di Internet, la rivoluzione industriale e la crescita della concentrazione di popolazione urbana hanno prodotto un senso di anonimato, che a sua volta “ci ha fatto credere di avere una privacy, dal momento che nessuno sapeva chi eravamo.”

“Sono consapevole che questa è una semplificazione, ma non voglio che voi pensiate che io sia superficiale”, ha detto Cerf, affermando che non si riferiva alla sorveglianza e spionaggio massiccia fatta dai governi, ma al contributo che gli utenti di Internet compiono per ridurre la privacy.
“Il nostro comportamento sociale è altamente dannoso per la privacy. La tecnologia che usiamo oggi ci allontana dalla nostra intuizione sociale”, ha detto Cerf dopo aver presentato il seguente esempio: “Immaginate di essere in Egitto e ti fai fare una foto davanti alle piramidi che viene poi pubblicata online. Supponiamo che c’è qualcuno vicino a te – chiamiamolo Joe. Tu non sai chi è Joe, e non ti importa neanche. Tutto quello che ti interessa è che si prende la fotografia, con le piramidi sullo sfondo. Poi carichi la foto sul web, Flickr, YouTube, o qualsiasi altro sito sociale. Poi qualcuno alla ricerca di fotografie di piramidi trova la tua e riconosce a Joe, e lo tagga. Poi qualcuno alla ricerca di fotografie di Joe trova questa immagine. Tuttavia, Joe aveva detto che era a Londra a tale data. Ma, naturalmente, questa fotografia lo mostra alle piramidi in quello stesso giorno. L’idea è quindi che l’inganno di Joe è stato scoperto a causa di una sequenza di atti apparentemente innocui”, a detto Cerf.

Allora dissi: “Io uso questo esempio come una sorta di metafora della nostra necessità di sviluppare abitudini sociali che in una misura maggiore al passato rispettino la privacy degli altri”.

“Magari non possiamo sapere come specificare questo. Quello che penso che accadrà è che si verifichino situazioni che alcune persone soffriranno problemi imbarazzanti, altri andranno in prigione, altri avranno problemi diversi, come conseguenza diretta di situazioni come quella descritta nell’esempio. Forse, questo risulti in costumi e pratiche che rispettano la privacy. Tuttavia, si tratta di una situazione fluida, e non è facile dettare una soluzione”, ha detto Cerf.

In questa pagina troverete la registrazione della conversazione. La questione discussa in questo articolo si risponde al minuto 39.

Fotografia pressa da Wikimedia Commons.

No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il blog di #CallidusPro
ISCRIVITI ADESSO!

Unisciti agli oltre 2000 lettori del blog e ricevi contenuto esclusivo

Queste informazioni non saranno mai condivise con altre aziende

GRAZIE PER ISCRIVERTI!